Inaugurazione Piazza Denis Bergamini sabato 21/11/2015

Consentia urbs magna Bruttiorum.
Discussioni sulla Città, sull' Area Urbana e sulla sua Provincia.
Avatar utente
rebelde
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 392
Iscritto il: lunedì 22 ottobre 2007, 11:31
Gender: Male
Ha ringraziato: 0
Sei stato  ringraziato: 0
Contatta:

Re: Inaugurazione Piazza Denis Bergamini sabato 21/11/2015

Messaggio da rebelde »

abba ha scritto:Gente, venendo meno al segreto istruttorio vi dico una cosa in anteprima universale: la piazza è splendida. Chi può e non viene è nu minchiù (senza sord, senza se e senza ma)
Mi ero collegato per scrivere la stessa cosa :lol:

Piazza splendida, posto unico, dettagli fantastici!

Chi non viene è CATANZARESE!!!!! :sord

:flag: :flag: :flag:

Immagine


Avatar utente
abba
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 3399
Iscritto il: lunedì 5 novembre 2007, 11:04
Gender: Female
Ha ringraziato: 0
Sei stato  ringraziato: 0

Re: Inaugurazione Piazza Denis Bergamini sabato 21/11/2015

Messaggio da abba »

rebelde ha scritto:
abba ha scritto:Gente, venendo meno al segreto istruttorio vi dico una cosa in anteprima universale: la piazza è splendida. Chi può e non viene è nu minchiù (senza sord, senza se e senza ma)
Mi ero collegato per scrivere la stessa cosa :lol:

Piazza splendida, posto unico, dettagli fantastici!

Chi non viene è CATANZARESE!!!!! :sord

:flag: :flag: :flag:

Immagine
io sono stata più educata :oops:
Lode a te
Avatar utente
rebelde
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 392
Iscritto il: lunedì 22 ottobre 2007, 11:31
Gender: Male
Ha ringraziato: 0
Sei stato  ringraziato: 0
Contatta:

Re: Inaugurazione Piazza Denis Bergamini sabato 21/11/2015

Messaggio da rebelde »

da fantagazzetta.com

INTITOLATA ALLO SFORTUNATO CENTROCAMPISTA MORTO 26 ANNI FA: SI TROVA PROPRIO DAVANTI AL "SUO" STADIO

Piazza Bergamini è realtà. La sorella Donata: "Denis amava Cosenza"

di Edoardo Cozza

Ventisei anni dopo la morte, ancora avvolta nel mistero, di Donato "Denis" Bergamini la città di Cosenza intitola una piazza allo sfortunato calciatore.
Una piazza che si trova proprio davanti quello stadio, il San Vito - Gigi Marulla, che tante volte ha visto protagonista Bergamini con la maglia del suo Cosenza: quasi guarda da posizione privilegiata quel campo, proprio a protezione della Curva Sud, che già da anni porta il suo nome.
Alla presenza del sindaco Mario Occhiuto, del presidente del Cosenza Eugenio Guarascio e dei rappresentanti dell'associazione "Verità per Denis", la sorella del calciatore Donata, ha svelato la targa commemorativa: da oggi la piazza sarà per sempre di e per Denis Bergamini.
Pic Monkey Collage

Donata, da sempre in prima linea con la famiglia alla ricerca di una verità da troppo tempo nascosta, ha ricordato che da nove mesi si attende la pronuncia del Gip sulla riapertura del processo: "Le carte sono tante - ha dichiarato - e capisco che ci voglia tempo per studiarle, ma l'attesa sta diventando un'agonia. E poi per cosa? La verità la si sa da sempre e le perizie ed i rilievi dei Ris parlano chiaro: Denis era già morto quando fu sormontato dal camion".

Le parole amare di Donata Bergamini risuonano nella piazza, dove un centinaio di tifosi non ha mancato di ricordare ancora una volta il loro Denis: "I tifosi del Cosenza - ha spiegato - hanno sempre portato Denis con loro, fin dal 1989. Non solo in casa, ma anche in trasferta il nome di mio fratello veniva ricordato sempre e questo ha permesso a tanti di conoscere la sua storia". Ma il legame di Bergamini non era solo con la squadra, ma con l'intera città: "Questa piazza - ha affermato Donata - mi piace perché coniuga la vita sportiva a quella di tutti i giorni. Denis non amava solo il Cosenza, ma tutta la città: sembrava che vi fosse nato".

C'è spazio anche per ringraziare chi affianca lei e la famiglia nella lunga battaglia alla ricerca della verità: "Devo dire grazie a chi c'era nel 1989, ai funerali, e da allora, anche senza esporsi in prima persona, magari per paura, ha dato credito alla nostra tesi e ci è stato vicino. Ma ringrazio anche i tanti giovani che vedo qui: questa storia è stata tramandata dai genitori che allora non parlavano e non si esponevano, ma se oggi Denis è ancora così vivo nel ricordo di tutti, lo dobbiamo anche a loro".

Il calciatore suicidato ha una sua piazza, nella città che amava e che lo ha amato. Adesso, però, serve anche la verità. Quella, ancora, è sepolta da strati troppo oscuri.

http://www.fantagazzetta.com/approfondi ... nza-213536
Avatar utente
rebelde
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 392
Iscritto il: lunedì 22 ottobre 2007, 11:31
Gender: Male
Ha ringraziato: 0
Sei stato  ringraziato: 0
Contatta:

Re: Inaugurazione Piazza Denis Bergamini sabato 21/11/2015

Messaggio da rebelde »

da blog.guerinsportivo.it

“Verità per Denis”. Donata Bergamini ai microfoni del Guerino

di Edoardo Cozza

Sono passati ventisei anni da quando Donato “Denis” Bergamini, centrocampista del Cosenza, è morto in circostanze tuttora misteriose. Una storia tragica, di cui si attende ancora la scritta “Fine”, tra menzogne e trame oscure su cui, per troppo tempo, non si è deciso di far luce.
Proprio mentre – da nove mesi – il Gip della Procura di Castrovillari valuta se riaprire definitivamente il processo alla luce delle perizie dei Ris, che hanno dimostrato come la prima verità processuale (il suicidio) è qualcosa a cui è difficile credere, la città di Cosenza manifesta ancora una volta l’attaccamento a Bergamini, dedicandogli una piazza proprio di fronte quello stadio “San Vito – Gigi Marulla” dove ha giocato decine di partite e a un passo dalla Curva Sud, che porta già da anni il suo nome.


I tifosi del Cosenza chiedono “verità per Denis”
Sabato mattina circa cento tifosi del Cosenza si sono radunati, nonostante le gocce di pioggia, sul piazzale che adesso porta il nome dello sfortunato calciatore. I fumogeni, i striscioni e i cori hanno manifestato il loro sentimento per il beniamino: non lo hanno mai abbandonato e per questo la famiglia Bergamini, che da anni lotta alla ricerca di verità e giustizia, sono sempre stati loro grati.

A svelare la targa c’era anche Donata, sorella di Denis e portavoce della famiglia in questi lunghi anni dolorosi e difficili. Ai nostri microfoni, Donata Bergamini ha voluto prima di tutto ringraziare la città di Cosenza, i suoi abitanti e i suoi tifosi: “Io devo ringraziare tutti, sia chi era presente ai funerali ventisei anni fa, sia chi oggi era qui e supporta le nostre battaglie. Nel 1989 in tanti, per paura, non si schieravano in prima linea, ma dietro le quinte ci hanno aiutato e hanno. Questo è stato tramandato alle nuove generazioni ed oggi al nostro fianco ci sono tanti giovani che all’epoca non erano neanche nati, ma che si sono appassionati alla vicenda di Denis e vogliono che sia fatta luce. E poi i tifosi: non lo hanno mai dimenticato, hanno portato mio fratello sempre con loro, anche in trasferta e questo ha permesso che in tutta Italia risuonasse il suo nome e la sua storia ha raggiunto davvero tante persone”.

Il legame di Denis Bergamini con Cosenza era speciale. Donata conferma: “Questa piazza mi piace per la sua posizione (appena fuori lo stadio, ndr) perché coniuga la vita di tutti i giorni a quella sportiva. Denis amava non solo la squadra, ma tutta la città e aveva un legame così forte con tutti. Quasi sembrava che fosse nato qui a Cosenza”.

Sono ventisei anni che in tanti, ma soprattutto Denis e la sua famiglia, attendono verità e giustizia: “E sono nove mesi – sottolinea Donata Bergamini – che attendiamo una risposta dal Gip, che deve leggere tante carte, ma i tempi stanno diventando lunghi e l’agonia è sempre più dolorosa. Le perizie sono chiare, le relazioni dei Ris altrettanto, ma è una verità che si sa da sempre: Denis era già morto quando è stato schiacciato da quel camion”.

Edoardo Cozza

http://blog.guerinsportivo.it/calcio/20 ... el-guerino
Rispondi