Money Gate

Campionati, coppe, fantacalcio, tifosi, scommesse e altri sport.
Rispondi
Avatar utente
originalzagor
Veterano
Veterano
Messaggi: 3563
Iscritto il: martedì 28 giugno 2005, 12:10
Gender: Male
Località: ara sagliuta 'i Pagliaru
Ha ringraziato: 317 volte
Sei stato  ringraziato: 441 volte

Money Gate

Messaggio da originalzagor »

E' stata notificata la chiusura delle indagini, rispetto alle quali la Procura Federale ha determinato la rilevanza degli illeciti perpetrati e la conseguente imputabilità del presidente Cosentino, DG Ortoli, Dirigente Ambra Cosentino, calciatore Russotto a vario titolo, nonchè della
società Catanzaro calcio Srl per responsabilità diretta ed oggettiva.
Decorso il termine di 20 gg. per le memorie difensive dei legali, verranno notificati i deferimenti.

Per quanto riguarda la società rappresentativa dell'ameno paesino sul cozzo, sarà richiesta la retrocessione all'ultimo posto in classifica (a fine torneo, quindi retrocessione in D).
Seguirà il processo che, alla fine, bene che vada per i coniglietti, li vedrà condannati ad
una penalizzazione di una decina di punti da scontarsi nel presente torneo.
A ciò vada ad aggiungersi la penalizzazione di 3 punti per mancato pagamento di stipendi
e ritenute fiscali e previdenziali (violazione per le quali è già stato deferito qualche giorno addietro assieme ad altre squadre...), nonchè la penalizzazione di altri 3-6 punti per
pagamento in nero di 116.000 euro di compensi al tecnico Cozza (qui scatta anche il
reato penale).

Insomma, si ni va bona ni cacciamu di palle con retrocessione diretta, se va male
si beccano almeno 15 punti di penalizzazione.

AMEN!

Queste le intercettazioni, da cui si evince la colpevolezza per il tentato illecito.


Secondo quanto annotano gli investigatori, da varie telefonate e da conversazioni ambientali intercettate, Catanzaro-Avellino del 5 maggio 2013 sarebbe dovuta terminare con un risultato di parità. “In realtà – sostengono gli 007 della Procura – è accaduto che l’Avellino, a dispetto delle “intese” intercorse, ha sconfitto la squadra del Catanzaro, maturando così con una giornata d’anticipo, la promozione in Serie B. Il Catanzaro, tuttavia, ha avuto la certezza di non disputare i playout per contingenti risultati negativi della altre squadre concorrenti”.

Di questa partita si parla in una conversazione ambientale avvenuta nell’ufficio di Cosentino il 15 maggio 2013, dieci giorni dopo il match incriminato. L’ex presidente giallorosso ne discute con altri due soggetti non identificati, uno dei quali chiede espressamente cosa è successo nell’ultima partita in casa. La risposta di Cosentino viene captata dalla Guardia di finanza di Reggio Calabria e riportata integralmente nell’ordinanza:

“Figli di pu…na, sono venuti loro a trovarmi a me, tutti e due i presidenti che noi siamo amici, sono due presidenti là… eee… presidente allora a noi un punto ci serve, facciamo pari?”.

Lo stesso Cosentino ribadisce che, indipendentemente dai risultati delle altre squadre, “l’accordo – si legge nell’ordinanza – avrebbe dovuto essere rispettato sostenendo, inoltre che i giocatori della propria squadra fossero a conoscenza delle intese”.

Il disappunto di Cosentino. Come dire: c’era un accordo, ma non è stato rispettato e ciò avrebbe suscitato l’irritazione di Cosentino, già nell’immediato dopo partita. Le intercettazioni fanno emergere tutto il disappunto del presidente che, in particolare, in una telefonata con la moglie afferma: “uh, ma la parola è parola – dice parlando con la moglie – non è che siamo salvi… sono stati loro a venire a rompermi le scatole a me…”.

La consorte individua nel risultato favorevole del Perugia – il club che in quella stagione contendeva la promozione ai campani – la causa del comportamento ritenuto “scorretto” dell’Avellino: “… sicuro, sicuro – risponde la signora Franca Muscatelli al marito Giuseppe Cosentino – ma loro Pino quando hanno visto chee laa… il Perugia vinceva tre a zero”. Di contro l’ex presidente del Catanzaro aggiunge: “Si ma tu lo sai… tu lo sai che Russotto… Russotto … noi due gol ci siamo mangiati all’inizio che non abbiamo fatto”.

Cosentino si dice “incazzato come una belva” e a fine gara sente telefonicamente anche la figlia Ambra alla quale dice: “Poi ti spiego quando ci vediamo di persona che è successo. Per telefono non te lo posso dire, poi ti spiego che è successo”. Quanto accaduto è oggetto di discussione Armando Ortoli, all’epoca direttore sportivo del Catanzaro. I due si sentono il giorno dopo al telefono e Ortoli prova a tranquillizzare il suo presidente: “Abbiamo realizzato il successo quindi dobbiamo essere felicissimi”. Cosentino appare ancora arrabbiato e afferma: “Loro si sono comportanti da merd… da merda però poi ne parliamo”.

Rischio retrocessione. La parte relativa alla frode sportiva dell’inchiesta Money Gate costituisce la principale fonte di prova. Nel caso in cui la Procura federale dovesse riuscire a dimostrare la tentata combine Catanzaro e Avellino rischierebbero la retrocessione all’ultimo posto in classifica, l’esclusione dal campionato e, nella migliore delle ipotesi, una forte penalizzazione.


Avatar utente
provinciared&blue
Assiduo
Assiduo
Messaggi: 867
Iscritto il: lunedì 3 febbraio 2014, 18:07
Gender: Male
Ha ringraziato: 0
Sei stato  ringraziato: 0

Re: Money Gate

Messaggio da provinciared&blue »

Sbatteteli in terza categoria.
Avatar utente
Lupo 72
Veterano
Veterano
Messaggi: 8788
Iscritto il: martedì 19 giugno 2012, 10:29
Gender: Male
Ha ringraziato: 755 volte
Sei stato  ringraziato: 237 volte

Re: Money Gate

Messaggio da Lupo 72 »

La retrocessione all'ultimo posto o una forte penalizzazione sarebbero l'ennesimo salvagente...quest'anno non ci sono retrocessioni dirette. Se venisse accertato l'illecito sportivo dovrebbero essere estromessi dal campionato. Ricordate il caso potenza?
GIGI MARULLA NEL CUORE!!! 28/08/2016 catanzaro - COSENZA 0-3
Avatar utente
THE FAN
Veterano
Veterano
Messaggi: 3373
Iscritto il: lunedì 28 gennaio 2008, 22:37
Gender: Male
Località: One Of These Days
Ha ringraziato: 374 volte
Sei stato  ringraziato: 289 volte

Re: Money Gate

Messaggio da THE FAN »

Quanta merda sotto la quercia!
My football team, my city, my life!!! Immagine
Avatar utente
Nube di Tempesta
Veterano
Veterano
Messaggi: 8859
Iscritto il: domenica 22 maggio 2005, 15:53
Gender: Male
Località: Berlin
Ha ringraziato: 0
Sei stato  ringraziato: 1 volta

Questa è roba da retrocessione a tavolino

Messaggio da Nube di Tempesta »

Le intercettazioni di Cosentino nell'ambito Money Gate, da cui si evincerebbe il tentato illecito sportivo con l'Avellino, sono agghiaccianti.
La più pesante è relativa al 15 maggio, 10 giorni dopo il match incriminato, e la riporta sempre Zoom24.it: "Figli di pu…na, sono venuti loro a trovarmi a me, tutti e due i presidenti che noi siamo amici, sono due presidenti là… eee… presidente allora a noi un punto ci serve, facciamo pari?”.
A questo punto le forze dell'ordine collegano anche una telefonata nell'immediato dopopartita tra Cosentino e la moglie: “uh, ma la parola è parola, non è che siamo salvi… sono stati loro a venire a rompermi le scatole a me…” la dichiarazione dell'allora patron giallorosso, “… sicuro, sicuro, ma loro Pino quando hanno visto chee laa… il Perugia vinceva tre a zero” (riferimento ai grifoni che contendevano la promozione diretta agli irpini NdR). Il marito chiude il tutto con: “Si ma tu lo sai… tu lo sai che Russotto… Russotto … noi due gol ci siamo mangiati all’inizio che non abbiamo fatto”. Una dichiarazione, quest'ultima, che ha fatto finire nell'inchiesta anche l'attuale esterno d'attacco del Catania, all'epoca dei fatti in maglia giallorossa.
Che Cosentino sia alterato, e per l'accusa la motivazione risiede nella mancata realizzazione della combine, si intuisce anche dalle parole dette all'allora diesse Armando Ortoli: "Loro si sono comportanti da merd… da merda però poi ne parliamo".


Se confermate, queste sono intercettazioni chiarissime, da retrocessione a tavolino: tentato illecito sportivo (che per la giustizia sportiva vale come quello consumato) e responsabilità diretta perché c'è di mezzo il presidente.
Sta per arrivare una bufera sul ponte.
E lo dico già da mò: quando Matarrese li mandò "a giocare col Molfetta" avevano parecchie ragioni, tutto quello che c'era contro di loro era un telefonata "con accento calabrese"; qui stavolta se li mandano in serie subbuteo s'hann'i sulu stà cittu.
Vai su Amazon.it, cerca OMBRA, autore Pierfrancesco Iorio, compralo a 2,99 € e recensiscilo con 5 stelle. Se ti servissero altri motivi, sappi che vi si parla malissimo di Catanzaro.
Avatar utente
originalzagor1
Assiduo
Assiduo
Messaggi: 842
Iscritto il: domenica 23 settembre 2012, 16:48
Gender: Male
Località: Sagliuta 'i Pagliaro
Ha ringraziato: 0
Sei stato  ringraziato: 0

Re: Money Gate

Messaggio da originalzagor1 »

preparamuni a canzune nova...

"un giorno un giallorozzo tornò dallo spareggio (con la Vibonese)
credendo di giocare un altro anno il derby a Reggio,
invece il buon Gravina, con calma e senza fretta,
mandò il catanzaro a giocare col Molfetta"


P.S.: corsi e ricorsi storici

1. Gravina è pugliese come Matarrese
2. Il Molfetta gioca in D girone H


oppure

"un giorno un giallorozzo tornò dallo spareggio
credendo di giocare un altro anno il derby a Reggio,
invece il buon Gravina, sotto la buona stella
mandò il catanzaro a giocare col Roccella"
Rispondi