Coro antisemita ieri a Londra da alcuni tifosi viola

Campionati, coppe, fantacalcio, tifosi, scommesse e altri sport.
Rispondi
Avatar utente
SenzaTeNnSoStare
Partecipante
Partecipante
Messaggi: 430
Iscritto il: mercoledì 18 novembre 2009, 11:56
Gender: Male
Località: Popily Street
Ha ringraziato: 0
Sei stato  ringraziato: 0

Coro antisemita ieri a Londra da alcuni tifosi viola

Messaggio da SenzaTeNnSoStare »

Coro antisemita, da parte di un gruppo di tifosi della Fiorentina, contro il giornalista David Guetta, a Londra per seguire la trasferta della squadra viola contro il Tottenham. Tutto succede nella stazione della metro Seven Sister di Londra dopo la partita, persa dalla Fiorentina per 3-0. Guetta, voce storica della radio (prima a Radioblu e adesso a Radio Bruno Toscana) e collaboratore del Corriere Fiorentino, stava tornando verso l’albergo insieme a un gruppetto di giornalisti. A raccontare l’episodio è lo stesso Guetta, tramite il suo blog: “Una ventina di ragazzotti mi ha riconosciuto e ha cominciato a cantare ‘David Guetta, c’è un treno per Mauthausen che ti aspetta’, un motivetto che deve andare di moda tra loro, visto che non c’è stato bisogno di accordare i suoni per far partire il coretto vergognoso. Vergognoso non per me, che da decenni convivo con insulti razzisti che scattano come riflessi condizionati dalle menti più annebbiate: sei anni fa l’insulto partì per esempio da un importante rappresentante del tifo, oggi salito di rango, che aggiunse anche di voler venire in radio a staccarmi la testa”.

Secondo la testimonianza del giornalista il gruppetto di tifosi viola ha intonato il coro, con i cronisti che hanno cercato di evitare qualsiasi tipo di reazione e incamminandosi verso il binario della metro. Venendo seguiti però dagli stessi ragazzi. Che ricominciano coi cori finché non arriva la metro. A treno arrivato il gruppetto di giornalisti sale a bordo, con il vagone pieno di tifosi inglesi e viola. “La vergogna è per questi dementi - continua Guetta - con cui mi piacerebbe avere un confronto e che quasi certamente non sanno bene cosa sia successo a Mauthausen. O ad Auschwitz, o a Dachau, o a Treblinka. Ma lo vorrei avere questo incontro davanti alla lapide che in via Farini ricorda i fiorentini che sono partiti con quei treni che loro oggi vogliono per me e che non sono più tornati".

E Firenze prende le distanze dagli insulti razzisti. "L'episodio accaduto al giornalista e amico David Guetta è vergognoso e inaccettabile. Lo sport non è e non deve essere questo e Firenze deve condannare con forza questi gesti ignobili e indegni di una società civile", ha detto il sindaco Dario Nardella. "A David - continua Nardella - tutta la solidarietà della città e la mia personale". Ferma condanna anche del mondo politico,
sportivo e dell'associazionismo. "L'Aned, l'associazione italiana degli ex deportati esprime tutto lo sdegno possibile per i fatti accaduti a Londra e insieme la massima solidarietà a David Guetta - si legge in una nota a firma del consiglio direttivo -. L'Aned di Firenze richiede con forza che si esprimano e prendano posizioni le associazioni che riuniscono i tifosi".

fonte La Repubblica


Che dire? son della stessa pasta dei loro amici giallorossi :no:


Immagine
Rispondi