Ma quest'ondata fascista a Cosenza l'ho notata solo io?

Discussioni libere ma a tema.
Qui trovi anche gli avvisi riguardanti il forum.
Squall
Partecipante
Partecipante
Messaggi: 127
Iscritto il: giovedì 12 agosto 2010, 14:23
Gender: Male
Ha ringraziato: 0
Sei stato  ringraziato: 0

Re: Ma quest'ondata fascista a Cosenza l'ho notata solo io?

Messaggio da Squall »

marcello77 ha scritto:
Squall ha scritto:Non condivido il pensiero Pertiniano.
Io invece si.
Chi sostiene tesi razziste, xenofobe, bigotte e nazionaliste.........non merita nessun rispetto.

P.S. Ricordo anche che i militanti di FN proponevano anche di abolire l'aborto. Mi spieghi come si possa dialogare e rispettare queste persone???
Bè se parli di rispetto questi soggetti nn hanno manco il mio e su questo siamo d'accordo. Ma oltre a loro la lista è lunga e arriva a comprendere anche quel democristiano di Renzi.
abba ha scritto:Mi sono incartata con le citazioni, spero si capisca lo stesso...
Secondo te contrastare con ogni mezzo chi promuove l'odio razziale significa discriminare? Io su questo punto mi perdo, per me è assolutamente inconcepibile. E non lo dico per giustificare le mie convinzioni, è che proprio sono due concetti incomparabili...
Bè come dicevo prima per te è questo, per qualcun altro sono i comunisti, per altri ancora ecc. ecc. Stabiliere il giusto o sbagliato non è poi così facile.

Cmq FN + che odio razziale ce l'ha con l'immigrazione nel territorio, che io la vedo + come politica fortemeten nazionalistica.

16. Blocco immediato dell'immigrazione e progressivo rimpatrio degli extracomunitari non integrabili nel nostro tessuto sociale; conferma del principio dello ius sanguinis; Abolizione immediata dell'assegno sociale per gli immigrati non lavoratori.


cs86
Veterano
Veterano
Messaggi: 1237
Iscritto il: martedì 19 dicembre 2006, 18:44
Gender: Male
Ha ringraziato: 1 volta
Sei stato  ringraziato: 0

Re: Ma quest'ondata fascista a Cosenza l'ho notata solo io?

Messaggio da cs86 »

E nel frattempo il fascistone ignorante riceve le visite delle iene,è sempre più apprezzato dal cosentino medio e alcuni giornali locali lo definiscono l'oracolo cosentino..non so se ridere o piangere :bad:
Avatar utente
marcello77
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 3338
Iscritto il: sabato 12 maggio 2007, 11:24
Gender: Male
Località: Cosenza
Ha ringraziato: 3 volte
Sei stato  ringraziato: 23 volte

Re: Ma quest'ondata fascista a Cosenza l'ho notata solo io?

Messaggio da marcello77 »

Venditori di rose aggrediti a Cosenza… nell’omertà generale.

Un comportamento vergognoso non solo per chi lo compie, ma anche per chi resta a guardare e non interviene in alcun modo davanti alla violenza e alla sopraffazione.


A Cosenza i venditori ambulanti sono praticamente dovunque, corso Mazzini ne è pieno, ed anche quando passano i vigili urbani, che spesso fanno finta di non vederli, gli stessi raccolgono la merce, la nascondono attendendo che le forze dell’ordine vadano via, per poi riallestire il loro banchetto; tutto ciò a danno degli esercizi commerciali e a favore dell’illegalità.

A Cosenza, ma anche a Rende, è anche molto diffusa la presenza dei cosiddetti ‘venditori di rose’, ragazzi extracomunitari, per lo più indiani o pakistani, che seppur insistenti, non danno poi così fastidio, ma si avvicinano sempre con un sorriso tentando di racimolare un paio d’euro dalla coppietta seduta al tavolo di un bar o un ristorante o che passeggia per strada.

Molti di questi in città, sono anche diventati amici dei loro ‘avventori’ che spesso gli regalano un panino o una bottiglia d’acqua senza volere in cambio la loro rosa. Ma poi accadono fatti deplorevoli, che lasciano attoniti e disgustati coloro i quali hanno ‘ancora’ una coscienza.
Ieri infatti, l’ennesimo (purtroppo) caso di aggressione nei confronti di un venditore di rose. Pare infatti che non si tratti di un caso isolato e che vicende di questo tipo, si siano verificate già altre volte.

Tutto è accaduto poco dopo la mezzanotte. Il corso principale della città, nonostante l’ora, è molto frequentato in particolare da giovani. Ad un tratto la scena: un venditore di rose, aggredito e scaraventato con violenza a terra da un ragazzo che avrebbe raccontato della troppa ‘insistenza’ del venditore al quale prima, di tutta risposta aveva tagliato le rose, così, per dispetto. Poi la violenza, l’extracomunitario a terra e nessuno ad intervenire. Calpestato, come la dignità che non è uguale a quella di chi, nel silenzio, ha guardato e taciuto senza soccorrere o placare gli animi. Vista l’indifferenza generale, solo alcune persone (poche rispetto alla mole di gente che è rimasta a guardare) hanno soccorso il povero sventurato accertandosi delle sue condizioni.

Alcuni giovani che frequentano i vari locali o che semplicemente nel weekend trascorrono con gli amici le serate su corso Mazzini, raccontano di un altro pestaggio, una settimana prima, ai danni di un altro venditore di rose, picchiato, gettato a terra, deriso e lasciato sanguinante. C’è anche chi racconta di vere e proprie sevizie. E tutto questo accade in una città in piena campagna elettorale, dove si fanno proclami di integrazione, di multiculturalità, dove i cittadini sono impegnati ad ascoltare parole e annunci di questo o quel candidato, e dove i vigili urbani servono solo per ‘vigilare’ sugli incontri elettorali.

Simona Gambaro - http://www.quicosenza.it - 14/05/2016.


Via Panebianco, aggredito con un bastone un ragazzo che lava i vetri al semaforo.

Ieri sera nei pressi delle Casermette di via Panebianco, alcuni balordi hanno pestato a sangue un ragazzo che da anni lava i vetri al semaforo, quello che fa angolo con le scuole di via Negroni.

Quel ragazzo è sempre educato e sorridente, non ha mai dato fastidio a nessuno. E’ stato aggredito con un grosso bastone di legno ed è stato necessario l’intervento di un’ambulanza che l’ha trasportato al pronto soccorso dell’Ospedale dell’Annunziata.

La scorsa settimana si erano già registrate altre due aggressioni in centro città contro dei venditori di rose.

Solo una brutta coincidenza, oppure qualcuno è uscito dalle fogne e sta conducendo la sua schifosa campagna elettorale verso una deriva fascista?

L’auspicio è che si sveglino polizia e carabinieri e facciano luce su queste assurde aggressioni, che la parte sana della città rifiuta a priori. Cosenza è sempre stata una città accogliente e non ha niente a che fare con questi idioti razzisti che vanno a fare spedizioni punitive contro i più deboli.

http://www.iacchite.com - 16/05/2016.
ODIO ETERNO AL CALCIO MODERNO!!!
Bruzy Style
Veterano
Veterano
Messaggi: 1146
Iscritto il: sabato 26 dicembre 2015, 23:45
Gender: Male
Ha ringraziato: 0
Sei stato  ringraziato: 0

Re: Ma quest'ondata fascista a Cosenza l'ho notata solo io?

Messaggio da Bruzy Style »

É una moda soprattutto dei figli di papà
Rispondi