Da Leggere e condividere! Lettera collettiva a Guarascio

Tutto ciò che riguarda i LUPI.
Sezione riservata ai soli iscritti.
Rispondi
Avatar utente
Bia
Veterano
Veterano
Messaggi: 15523
Iscritto il: lunedì 1 settembre 2014, 11:35
Gender: Male
Ha ringraziato: 489 volte
Sei stato  ringraziato: 1091 volte

Da Leggere e condividere! Lettera collettiva a Guarascio

Messaggio da Bia »

Mi faccio portavoce, con questa lettera, del pensiero di alcuni tifosi che, come me, hanno contribuito a scriverla.
La pubblico sperando che, finalmente, si abbia una risposta diretta e chiara da parte della Società e del Presidente, a cui è indirizzata.
Invito tutti quelli che sono d'accordo ( o che hanno contribuito) con quanto leggeranno, a sottoscriverla ed a condividerla il più possibile - se vogliono - anche fuori dal Forum, attraverso media e Social.


Presidente Guarascio,

siamo Cosentini (alcuni emigrati, altri che risiedono ancora qui) tutti profondamente legati da un enorme sentimento di appartenenza ed orgoglio per le nostre radici. Il nostro ideale ci porta naturalmente a tifare per la squadra della nostra terra, quella stessa terra che, ahinoi, troppo spesso viene umiliata ed amministrata senza diligenza non valorizzando le enormi potenzialità.
Ed allora, ecco che la nostra maggiore passione, il Cosenza Calcio, ci porta a sperare in una sorta di rivalsa e rivalutazione del nostro territorio, ci fa creare nuovi legami che con il tempo diventano indissolubili, ci fa andare da decenni in giro per gli stadi di tutta Italia.
Tutto questo diventa senso di appartenenza e di rivincita sociale, proprio per queste motivazioni.
Le scriviamo perchè siamo preoccupati visto che da un po’ di tempo a questa parte, pare che i nostri amati colori stiano seguendo le stesse sorti della nostra terra, una società che sembra amministrata con approssimazione e poco cuore.
Per noi che, al contrario, viviamo con passione e voglia di rivalsa i colori rossoblu, è intollerabile. Abbiamo vissuto in silenzio finora ma errori portati avanti, reiterati e mai riconosciuti dalla dirigenza ci obbligano ad alzare la nostra voce perché per noi i Lupi non sono un hobby e il Cosenza non è mai stata una piazza priva di appeal.
Proprio per ciò ci sembra doveroso ritenere che la nostra squadra del cuore non possa e non debba restare nelle mani di chi invece tale la considera o tale la rende. Ergo, o si prendono degli impegni seri, rispettando la passione ed i sacrifici di chi, come noi, permette a lei, caro presidente Guarascio, di arricchirsi in termini di visibilità e prestigio personale, o si passa la mano.
Si ricordi che il Cosenza calcio 1914 srl è suo, ma il COSENZA è nostro e di tutti quelli per cui rappresenta passione, per cui abbiamo sofferto, pianto, gioito.
Per un hobby non si fa nulla di tutto questo e una squadra di calcio non è solo bilancio, o budget.
Senza i tifosi con la loro passione non è nulla, è una scatola vuota, gestirlo così senza prendersi impegni seri, rende tutto vacuo ed inutile.
Una squadra non è un fatto privato, mai!
Eppure anche quest'anno si sta "costruendo" la nuova stagione senza progetti e programmazione in modo approssimativo ed umiliante, nonostante l’esaltante epilogo di quest’ultima appena conclusa che, è bene ricordarlo, senza la variabile Covid19 e tutto ciò che ne è conseguito, avrebbe pressoché certamente decretato la misera retrocessione della nostra compagine.
E’ evidente, però, che la lezione non è servita e si persevera diabolicamente ad operare senza una corretta programmazione (ma sarebbe meglio dire senza programmazione!) e lontano anni luce da tempi e modi di operatività che il mondo del calcio detta.
Stavolta, per il bene del nostro amato Cosenza, ci aspettavamo:

- Una squadra costruita almeno per il 70/80% entro il primo giorno di ritiro;

⁃ Che al 3º anno di serie B non ci saremmo ritrovati per l’ennesima volta con un budget tra i più bassi della categoria, in un’annata in cui finanche le matricole appena promosse stanno già programmando il doppio salto di categoria, con un DS che è costretto ad aspettare di nuovo l'ultimo giorno di mercato per cibarsi delle briciole e prendere gli scarti altrui pur di completare l'organico, col rischio di una replica della non commendevole farsa Rosseti - Nzola - Tupta dello scorso anno ;

⁃ Una degna programmazione (cosa che non richiede cife folli o investimenti fuori dalla sua portata) volta ad un campionato almeno di tranquillità e transizione, per gettare le basi per graduali crescite future, senza dover ricostruire, per l’ennesima volta, la squadra;

⁃ Il dialogo ed il rispetto nei confronti della tifoseria, attraverso una comunicazione più trasparente e puntuale. Il daspare un tifoso storico reo di aver criticato legittimamente la gestione societaria e i risultati sportivi è per noi una cosa inaccettabile. Per le motivazioni di cui sopra, ci aspettavamo il ritiro IMMEDIATO del provvedimento.

⁃ Infrastrutture adeguate, atte a rendere una normale attività sportiva per una delle prime 40 squadre d’Italia, dando anche maggiore cura e supporto al settore giovanile.


E se la sua risposta in questo caso fosse la solita frase che “non è mai retrocesso” (come se si trattasse di una cosa di cui dovremmo solo ringraziarla), le facciamo notare che ci sono degli aspetti, che si chiamano rispetto, dignità, amor proprio e professionalità che proprio non sta curando minimamente.

C’è modo e modo di gestire un affare o un’attività nell’ottica del raggiungimento del fine prestabilito, il motto di machiavelliana memoria “il fine giustifica i mezzi”, non può essere adottato – mutatis mutandis – nella gestione del Cosenza calcio, dove va tenuta in debito conto la passione viscerale del popolo rossoblù,
sicché lo stucchevole refrain del non essere mai retrocesso – si ribadisce, sempre per casuali congiunture positive – non può travolgere ed oscurare una gestione dilettantistica della società calcistica, per quanto attiene all’ambito prettamente tecnico e sportivo.

Non ci siamo dimenticati Cosenza Verona, le nottue, le sedie da bar in panchina, le spugne e le carriole, i soldi non restituiti agli abbonati per le partite non godute , la mensa dell’unical, il daspo all’anziano abbonato, l’appeal, l’hobby, il cielo rossoblu, le giovanili sempre ultime o quasi in classifica, gli allenamenti al parco, il merchandising e la comunicazione inesistenti o quasi, maglie e squadre quasi mai presentate, un DG con un contratto di due mesi che millantava (non si sa quale titolo) grossi cambiamenti, abbonamenti stampati per la curva nord nella prima stagione di B, salvo poi impedire a quegli stessi abbonati di accedere al quel settore senza aver emesso un comunicato tempestivo ... dobbiamo continuare?

No, perché la lista è ancora molto lunga!
Dunque, per cosa dovremmo ringraziarla?
Dopo nove anni in cui si è preso gli onori, è arrivato il momento di affrontare gli oneri!
Oneri che vuoi o non vuoi rappresentano oltre 700.000 residenti in provincia, più quelli fuori, sparsi in Italia e nel mondo intero, che hanno sempre supportato e risposto presente quando era necessario sostenere la squadra e la sua Società, ma che non hanno ricevuto la stessa risposta quando toccava a lei!

E' necessario che risponda stavolta , ed anche in maniera concreta, dando a tutti i tifosi quello che chiedono da tempo.

Lei al Cosenza Calcio ci tiene o no?
quali sono i programmi a medio termine per inprossimi 2/3 anni ?

Perché, dopo 9 anni, non ha mai ritenuto necessario investire nella costruzione (anche attingendo a finanziamenti sportivi) di strutture di allenamento per il settore giovanile e della prima squadra ??

E' in grado di continuare a gestire autonomamente la proprietà del Cosenza Calcio, a fronte di impegni seri su quanto sopra esposto, o ha necessità di aprire a nuove forze imprenditoriali ?

Stavolta il silenzio non le permetterà di spegnere la cosa come crede, perchè prima o poi queste responsabilità vengono fuori di nuovo, e rimandare non fa altro che ingrossarle.

Adesso o mai più.
Ci metta la faccia ed il cuore, come si richiede ad un Presidente di una Squadra.
Ultima modifica di Bia il martedì 15 settembre 2020, 22:42, modificato 2 volte in totale.


Izzatore di professione :sord
Avatar utente
Frascale67
Veterano
Veterano
Messaggi: 6479
Iscritto il: giovedì 8 agosto 2019, 9:09
Gender: Male
Ha ringraziato: 337 volte
Sei stato  ringraziato: 762 volte

Re: Da Leggere e condividere! Lettera collettiva a Guarascio

Messaggio da Frascale67 »

SOTTOSCRIVO!

In toto.
St'annu cura carriola
Avatar utente
Minaccia
Veterano
Veterano
Messaggi: 7589
Iscritto il: sabato 8 giugno 2019, 13:13
Gender: Male
Ha ringraziato: 17 volte
Sei stato  ringraziato: 451 volte

Re: Da Leggere e condividere! Lettera collettiva a Guarascio

Messaggio da Minaccia »

Sottoscrivo anche in virtù di coautore (in minima parte)
Maschio bianco europeo etero
lupo1970
Veterano
Veterano
Messaggi: 8925
Iscritto il: martedì 19 gennaio 2016, 14:08
Gender: Male
Ha ringraziato: 1809 volte
Sei stato  ringraziato: 231 volte

Re: Da Leggere e condividere! Lettera collettiva a Guarascio

Messaggio da lupo1970 »

Bia ha scritto: martedì 15 settembre 2020, 21:59 Mi faccio portavoce, con questa lettera, del pensiero di alcuni tifosi che, come me, hanno contribuito a scriverla.
La pubblico sperando che, finalmente, si abbia una risposta diretta e chiara da parte della Società e del Presidente, a cui è indirizzata.
Invito tutti quelli che sono d'accordo ( o che hanno contribuito) con quanto leggeranno, a sottoscriverla ed a condividerla il più possibile - se vogliono - anche fuori dal Forum, attraverso media e Social.


Presidente Guarascio,

siamo Cosentini (alcuni emigrati, altri che risiedono ancora qui) tutti profondamente legati da un enorme sentimento di appartenenza ed orgoglio per le nostre radici. Il nostro ideale ci porta naturalmente a tifare per la squadra della nostra terra, quella stessa terra che, ahinoi, troppo spesso viene umiliata ed amministrata senza diligenza non valorizzando le enormi potenzialità.
Ed allora, ecco che la nostra maggiore passione, il Cosenza Calcio, ci porta a sperare in una sorta di rivalsa e rivalutazione del nostro territorio, ci fa creare nuovi legami che con il tempo diventano indissolubili, ci fa andare da decenni in giro per gli stadi di tutta Italia.
Tutto questo diventa senso di appartenenza e di rivincita sociale, proprio per queste motivazioni.
Le scriviamo perchè siamo preoccupati visto che da un po’ di tempo a questa parte, pare che i nostri amati colori stiano seguendo le stesse sorti della nostra terra, una società che sembra amministrata con approssimazione e poco cuore.
Per noi che, al contrario, viviamo con passione e voglia di rivalsa i colori rossoblu, è intollerabile. Abbiamo vissuto in silenzio finora ma errori portati avanti, reiterati e mai riconosciuti dalla dirigenza ci obbligano ad alzare la nostra voce perché per noi i Lupi non sono un hobby e il Cosenza non è mai stata una piazza priva di appeal.
Proprio per ciò ci sembra doveroso ritenere che la nostra squadra del cuore non possa e non debba restare nelle mani di chi invece tale la considera o tale la rende. Ergo, o si prendono degli impegni seri, rispettando la passione ed i sacrifici di chi, come noi, permette a lei, caro presidente Guarascio, di arricchirsi in termini di visibilità e prestigio personale, o si passa la mano.
Si ricordi che il Cosenza calcio 1914 srl è suo, ma il COSENZA è nostro e di tutti quelli per cui rappresenta passione, per cui abbiamo sofferto, pianto, gioito.
Per un hobby non si fa nulla di tutto questo e una squadra di calcio non è solo bilancio, o budget.
Senza i tifosi con la loro passione non è nulla, è una scatola vuota, gestirlo così senza prendersi impegni seri, rende tutto vacuo ed inutile.
Una squadra non è un fatto privato, mai!
Eppure anche quest'anno ci stiamo per affacciare al campionato con una nuova stagione approssimativa ed umiliante, nonostante l’esaltante epilogo di quest’ultima appena conclusa che, è bene ricordarlo, senza la variabile Covid19 e tutto ciò che ne è conseguito, avrebbe pressoché certamente decretato la misera retrocessione della nostra compagine.
E’ evidente, però, che la lezione non è servita e si persevera diabolicamente ad operare senza una corretta programmazione (ma sarebbe meglio dire senza programmazione!) e lontano anni luce da tempi e modi di operatività che il mondo del calcio detta.
Stavolta, per il bene del nostro amato Cosenza, ci aspettavamo:

- Una squadra costruita almeno per il 70/80% entro il primo giorno di ritiro;

⁃ Che al 3º anno di serie B non ci saremmo ritrovati per l’ennesima volta con un budget tra i più bassi della categoria, in un’annata in cui finanche le matricole appena promosse stanno già programmando il doppio salto di categoria, con un DS che è costretto ad aspettare di nuovo l'ultimo giorno di mercato per cibarsi delle briciole e prendere gli scarti altrui pur di completare l'organico, col rischio di una replica della non commendevole farsa Rosseti - Nzola - Tupta dello scorso anno ;

⁃ Una degna programmazione (cosa che non richiede cife folli o investimenti fuori dalla sua portata) volta ad un campionato almeno di tranquillità e transizione, per gettare le basi per graduali crescite future, senza dover ricostruire, per l’ennesima volta, la squadra;

⁃ Il dialogo ed il rispetto nei confronti della tifoseria, attraverso una comunicazione più trasparente e puntuale. Il daspare un tifoso storico reo di aver criticato legittimamente la gestione societaria e i risultati sportivi è per noi una cosa inaccettabile. Per le motivazioni di cui sopra, ci aspettavamo il ritiro IMMEDIATO del provvedimento.

⁃ Infrastrutture adeguate, atte a rendere una normale attività sportiva per una delle prime 40 squadre d’Italia, dando anche maggiore cura e supporto al settore giovanile.


E se la sua risposta in questo caso fosse la solita frase che “non è mai retrocesso” (come se si trattasse di una cosa di cui dovremmo solo ringraziarla), le facciamo notare che ci sono degli aspetti, che si chiamano rispetto, dignità, amor proprio e professionalità che proprio non sta curando minimamente.

C’è modo e modo di gestire un affare o un’attività nell’ottica del raggiungimento del fine prestabilito, il motto di machiavelliana memoria “il fine giustifica i mezzi”, non può essere adottato – mutatis mutandis – nella gestione del Cosenza calcio, dove va tenuta in debito conto la passione viscerale del popolo rossoblù,
sicché lo stucchevole refrain del non essere mai retrocesso – si ribadisce, sempre per casuali congiunture positive – non può travolgere ed oscurare una gestione dilettantistica della società calcistica, per quanto attiene all’ambito prettamente tecnico e sportivo.

Non ci siamo dimenticati Cosenza Verona, le nottue, le sedie da bar in panchina, le spugne e le carriole, i soldi non restituiti agli abbonati per le partite non godute , la mensa dell’unical, il daspo all’anziano abbonato, l’appeal, l’hobby, il cielo rossoblu, le giovanili sempre ultime o quasi in classifica, gli allenamenti al parco, il merchandising e la comunicazione inesistenti o quasi, maglie e squadre quasi mai presentate, un DG con un contratto di due mesi che millantava (non si sa quale titolo) grossi cambiamenti, abbonamenti stampati per la curva nord nella prima stagione di B, salvo poi impedire a quegli stessi abbonati di accedere al quel settore senza aver emesso un comunicato tempestivo ... dobbiamo continuare?

No, perché la lista è ancora molto lunga!
Dunque, per cosa dovremmo ringraziarla?
Dopo nove anni in cui si è preso gli onori, è arrivato il momento di affrontare gli oneri!
Oneri che vuoi o non vuoi rappresentano oltre 700.000 residenti in provincia, più quelli fuori, sparsi in Italia e nel mondo intero, che hanno sempre supportato e risposto presente quando era necessario sostenere la squadra e la sua Società, ma che non hanno ricevuto la stessa risposta quando toccava a lei!

E' necessario che risponda stavolta , ed anche in maniera concreta, dando a tutti i tifosi quello che chiedono da tempo.

Lei al Cosenza Calcio ci tiene o no?
quali sono i programmi a medio termine per inprossimi 2/3 anni ?

Perché, dopo 9 anni, non ha mai ritenuto necessario investire nella costruzione (anche attingendo a finanziamenti sportivi) di strutture di allenamento per il settore giovanile e della prima squadra ??

E' in grado di continuare a gestire autonomamente la gestione del Cosenza Calcio, a fronte di impegni seri su quanto sopra esposto, o ha necessità di aprire a nuove forze imprenditoriali ?

Stavolta il silenzio non le permetterà di spegnere la cosa come crede, perchè prima o poi queste responsabilità vengono fuori di nuovo, e rimandare non fa altro che ingrossarle.

Adesso o mai più.
Ci metta la faccia ed il cuore, come si richiede ad un Presidente di una Squadra.
Sottoscrivo!
Avatar utente
THE FAN
Veterano
Veterano
Messaggi: 3392
Iscritto il: lunedì 28 gennaio 2008, 22:37
Gender: Male
Località: One Of These Days
Ha ringraziato: 398 volte
Sei stato  ringraziato: 332 volte

Re: Da Leggere e condividere! Lettera collettiva a Guarascio

Messaggio da THE FAN »

Sottoscrivo
My football team, my city, my life!!! Immagine
vurpilu
Veterano
Veterano
Messaggi: 7465
Iscritto il: giovedì 25 ottobre 2007, 13:16
Gender: Male
Ha ringraziato: 1220 volte
Sei stato  ringraziato: 734 volte

Re: Da Leggere e condividere! Lettera collettiva a Guarascio

Messaggio da vurpilu »

Sottoscrivo integralmente, la faccio mia e lodo gli estensori!
Tifoso nacqui Izzator divenni.
Avatar utente
Ferro da Milano
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 8885
Iscritto il: mercoledì 3 agosto 2005, 13:07
Gender: Male
Località: Milano
Ha ringraziato: 143 volte
Sei stato  ringraziato: 318 volte

Re: Da Leggere e condividere! Lettera collettiva a Guarascio

Messaggio da Ferro da Milano »

SOTTOSCRIVO,
parola per parola.

Dignità!
Ma perché non possiamo essere semplicemente dei tifosi sereni? Ogni giorno ce n'è una nuova! Cosenza, infinita... sofferenza!
Avatar utente
tivedo78
Veterano
Veterano
Messaggi: 4159
Iscritto il: venerdì 13 luglio 2012, 5:07
Gender: Male
Ha ringraziato: 4 volte
Sei stato  ringraziato: 2 volte

Re: Da Leggere e condividere! Lettera collettiva a Guarascio

Messaggio da tivedo78 »

Grandi!
Sottoscrivo
SONO QUEI COLORI MAGICI CHE CI FAN SENTIRE I BRIVIDI....SOLO PER TE...!
Avatar utente
Trotto2
Veterano
Veterano
Messaggi: 3494
Iscritto il: sabato 29 settembre 2012, 9:58
Gender: Male
Località: Sciuaddru
Ha ringraziato: 536 volte
Sei stato  ringraziato: 350 volte

Re: Da Leggere e condividere! Lettera collettiva a Guarascio

Messaggio da Trotto2 »

Assolutamente sottoscrivo.
HEIHACHI BASTARDO! =@
Avatar utente
Ferro da Milano
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 8885
Iscritto il: mercoledì 3 agosto 2005, 13:07
Gender: Male
Località: Milano
Ha ringraziato: 143 volte
Sei stato  ringraziato: 318 volte

Re: Da Leggere e condividere! Lettera collettiva a Guarascio

Messaggio da Ferro da Milano »

Bisogna farla uscire dal forum... dai, un contributo da parte di tutti coloro che ne condividono il contenuto: social, stampa etc.
Ma perché non possiamo essere semplicemente dei tifosi sereni? Ogni giorno ce n'è una nuova! Cosenza, infinita... sofferenza!
Avatar utente
Oberdan_80
Veterano
Veterano
Messaggi: 13350
Iscritto il: giovedì 14 luglio 2005, 16:46
Gender: Male
Località: Roges di Cosenza Nord
Ha ringraziato: 953 volte
Sei stato  ringraziato: 887 volte

Re: Da Leggere e condividere! Lettera collettiva a Guarascio

Messaggio da Oberdan_80 »

Sottoscrivo con il sangue anche in qualità do donatore

:flag: :flag: :flag:
-------
=@ GUARASCIO MOLLA IL COSENZA CALCIO =@

Immagine
Avatar utente
Lupo 72
Veterano
Veterano
Messaggi: 8788
Iscritto il: martedì 19 giugno 2012, 10:29
Gender: Male
Ha ringraziato: 756 volte
Sei stato  ringraziato: 237 volte

Re: Da Leggere e condividere! Lettera collettiva a Guarascio

Messaggio da Lupo 72 »

:Bravo: Sottoscrivo
GIGI MARULLA NEL CUORE!!! 28/08/2016 catanzaro - COSENZA 0-3
Avatar utente
Oberdan_80
Veterano
Veterano
Messaggi: 13350
Iscritto il: giovedì 14 luglio 2005, 16:46
Gender: Male
Località: Roges di Cosenza Nord
Ha ringraziato: 953 volte
Sei stato  ringraziato: 887 volte

Re: Da Leggere e condividere! Lettera collettiva a Guarascio

Messaggio da Oberdan_80 »

Bia ha scritto: martedì 15 settembre 2020, 21:59 Presidente Guarascio,

[CUT]

E' in grado di continuare a gestire autonomamente la gestione del Cosenza Calcio, a fronte di impegni seri su quanto sopra esposto, o ha necessità di aprire a nuove forze imprenditoriali ?

Stavolta il silenzio non le permetterà di spegnere la cosa come crede, perchè prima o poi queste responsabilità vengono fuori di nuovo, e rimandare non fa altro che ingrossarle.

Adesso o mai più.
Ci metta la faccia ed il cuore, come si richiede ad un Presidente di una Squadra.
piccola correzione da fare "gestire autonomamente la proprietà del Cosenza Calcio"
Ultima modifica di Oberdan_80 il martedì 15 settembre 2020, 22:26, modificato 1 volta in totale.
-------
=@ GUARASCIO MOLLA IL COSENZA CALCIO =@

Immagine
Avatar utente
tivedo78
Veterano
Veterano
Messaggi: 4159
Iscritto il: venerdì 13 luglio 2012, 5:07
Gender: Male
Ha ringraziato: 4 volte
Sei stato  ringraziato: 2 volte

Re: Da Leggere e condividere! Lettera collettiva a Guarascio

Messaggio da tivedo78 »

Potremmo farla girare sulla vela pubblicitaria?la mia quota c'è
SONO QUEI COLORI MAGICI CHE CI FAN SENTIRE I BRIVIDI....SOLO PER TE...!
Avatar utente
Bia
Veterano
Veterano
Messaggi: 15523
Iscritto il: lunedì 1 settembre 2014, 11:35
Gender: Male
Ha ringraziato: 489 volte
Sei stato  ringraziato: 1091 volte

Re: Da Leggere e condividere! Lettera collettiva a Guarascio

Messaggio da Bia »

Oberdan_80 ha scritto: martedì 15 settembre 2020, 22:26
Bia ha scritto: martedì 15 settembre 2020, 21:59 Presidente Guarascio,

[CUT]

E' in grado di continuare a gestire autonomamente la gestione del Cosenza Calcio, a fronte di impegni seri su quanto sopra esposto, o ha necessità di aprire a nuove forze imprenditoriali ?

Stavolta il silenzio non le permetterà di spegnere la cosa come crede, perchè prima o poi queste responsabilità vengono fuori di nuovo, e rimandare non fa altro che ingrossarle.

Adesso o mai più.
Ci metta la faccia ed il cuore, come si richiede ad un Presidente di una Squadra.
piccola correzione da fare "gestire autonomamente la proprietà del Cosenza Calcio"
Giusto provvedo
Izzatore di professione :sord
Rispondi